Ancora un atto di carta, ancora un impegno volatile

 

Ancora un atto di carta, ancora un impegno volatile preso dai partiti nei confronti di quei cittadini che ogni giorno vivono la colpevole inerzia delle istituzioni nella loro carne viva. L’anno scorso ci sono stata in quelle zone alluvionate di Ostia: Bagnoletto, Saline, Stagni. I nomi non sono a caso: sono le zone sotto il livello del mare dell’entroterra di Ostia che da decenni si allagano ad ogni pioggia forte. Quelle zone che secondo un folle PAI (piano di assetto idrogeologico) non sono a rischio. Certo, altrimenti non sarebbero state dichiarate edificabili e gli interi quartieri che vi sono stati costruiti negli ultimi anni non avrebbero potuto alimentare con i loro costi concessori e oneri di urbanizzazione (mai usati per gli scopi per cui sono nati ma solo per la spesa corrente) i voraci partiti che amministrano Roma da sempre.
Oggi quali fatti hanno in mano le persone che vivono a Bagnoletto, Saline, Stagni? Nessuno. Guardano il cielo, compulsano le previsioni meteo, controllano che il sistema che regola le chiuse dei canali per far defluire le acque non sia abbandonato a se stesso come nelle terribili notti dell’alluvione di primavera scorsa e pregano che le loro case non si allaghino ancora una volta strappandogli sicurezza e pezzi di vita.
Ma c’è un fatto che giace da più di un anno nei cassetti di Montecitorio: la proposta di legge a prima firma del mio collega Samuele Segoni che prevede lo svincolo dal patto di stabilità degli investimenti (e non spese!) per la messa in sicurezza del nostro maltrattato territorio.

Ai partiti votarla.

Per una vostra maggior conoscenza, vi riporto lo stato di Facebook di Alessandro Ieva:

Roma, 16 ottobre 2014
Sicurezza Idraulica X Municipio – Documento d’iniziativa popolare presentato dai Comitati di Quartiere e dai Cittadini del X Municipio prot.126806 del 16 ottobre 2014.
Il documento è stato redatto e condiviso durante l’occupazione del X Municipio, dai Comitati e Cittadini presenti, per chiedere al Presidente Andrea Tassone e alla Giunta del X Municipio di attivarsi nei confronti di Roma Capitale con fondi propri da reperire sin dal prossimo assestamento di bilancio Comunale (come da comunicato stampa del Sindaco di Roma Capitale IGNAZIO MARINO del 4 febbraio 2014 – relativamente ai 60 milioni di euro sbloccati dal patto di stabilità – Alluvione, il Sindaco fa il punto: gli interventi, i danni, le cause, gli studi per la prevenzione del rischiodi attivarsi nei confronti della Regione Lazio affinchè destini fondi congrui alla realizzazione delle opere idrauliche necessarie alla, definitiva e strutturale, messa in sicurezza del territorio (tutto) del X Municipio; a rispettare gli impegni presi nell’incontro odierno con provvedimenti di somma urgenza nel caso di inerzia, sul tema, da parte di Roma Capitale e Regione Lazio.

sicurezzaidraulicaXmunicipio1

Sicurezza Idraulica X Municipio PAG 1

sicurezzaidraulicaXmunicipio2

Sicurezza Idraulica X Municipio PAG 2

sicurezzaidraulicaXmunicipio3

Sicurezza Idraulica X Municipio PAG 3

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Close
Grazie del vostro supporto...
Mettiti in Movimento, condividi sui tuoi Socials...