Concorsi dell’Arma dei Carabinieri: lettera al Generale Del Sette per fare chiarezza

0001 (12)
 

Fare parte dell’Arma dei Carabinieri è un’aspirazione per molti ragazzi e ragazze. Come ogni aspirazione richiede impegno e sacrificio, dal momento che bisogna superare i duri concorsi indetti dall’Arma per poter divenire un Allievo Carabiniere. Talvolta tuttavia può capitare di risultate idonei al concorso, ma di non rientrare tra i vincitori. Cosa accade allora? Secondo logica e giustizia gli idonei non vincitori dovrebbero rimanere comunque in una graduatoria e, nel corso dei concorsi indetti successivamente, essere integrati tra i vincitori con lo scorrimento di suddetta graduatoria. Avendo ricevuto delle segnalazioni da parte di alcuni candidati in questa situazione, ho scritto al Comandante Generale dell’Arma, il Dott. Tullio Del Sette, per avere delle delucidazioni in merito:

Gentile Generale,

Come da lei annunciato nel corso dell’audizione alla Camera per il decreto legislativo sul riordino delle carriere, nell’ arco del 2017 avverranno assunzioni straordinarie che dovrebbero, viste le varie esigenze territoriali, stabilizzare il turnover.

Questa sua dichiarazione non è passata inosservata e mi sono arrivate molte richieste relative alla possibilità che le graduatorie ancora valide vengano fatte scalare, come accaduto per le assunzioni straordinarie indette nel 2015, dove furono scalate le graduatorie dal 2011 in poi.

Il Consiglio di Stato con la sentenza n. 4332 del 15 Settembre 2015 si è espresso sull’ applicabilità dei principi affermati dall’ adunanza plenaria, dove viene specificato che qualora l’amministrazione propenda per l’indizione di un nuovo concorso, sarà obbligata ad esprimere un’ idonea motivazione che dia conto del sacrificio imposto ai concorrenti idonei non vincitori del concorso precedente.

Si tratta nella sostanza delle ordinarie procedure concorsuali programmate con cadenza pressoché annuale, come accaduto per l’ ultimo concorso di 1598 allievi carabinieri pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il 31 marzo 2017.

Nel caso dunque di procedure non calendarizzate in quanto attivate occasionalmente su specifiche ed immediate esigenze della singola Forza Armata, si deve procedere con lo scorrimento delle graduatorie preesistenti.

Vista l’idoneità ricevuta a novembre 2016 dalla maggior parte dei 103 idonei non prescelti più le idoneità conseguite nel precedente concorso (1050), avvenuto sempre nell’anno 2016, Le chiedo se in queste eventuali assunzioni verranno assunti gli idonei ancora in sospeso.

Ringraziandola porgo cordiali saluti.

Non rimane che aspettare una risposta.

0001 (12)

One thought on “Concorsi dell’Arma dei Carabinieri: lettera al Generale Del Sette per fare chiarezza”

  1. Max scrive:

    Spett. On. Lombardi grazie a nome di tutti gli INV dei Carabinieri. Con la speranza che il Generale Del Sette dia una risposta positiva riguardo il futuro di questi 103 poveri cristi che ,ricordo,risultano essere idonei a tutti gli effetti in quanto tali risultano poiché la loro idoneità sll’Arma l’hanno ricevuta dall’Arma stessa. Ed è un controsenso far rifare e ripetere tutto l’iter burocratico per acquisire una nuova idoneità a chi l’ha ricevuta non più fi 5 mesi fa. Un’incongruenza in cui l’Arma non può cadere. Ancora tante grazie e speriamo nr l Comandante Del Sette e nel Suo costante interessamento.

     

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Close
Grazie del vostro supporto...
Mettiti in Movimento, condividi sui tuoi Socials...