Da donna a Presidente…

 

Lettera inviata, tramite il portale della camera dei deputati, alla presidente Boldrini e pubblicata sulla mia pagina FB dall’autrice. Grande Maria!

Gentile sig/ra. Boldrini ,
quella che le scrive è una semplice donna, mamma, moglie di un operaio Fiat di Pomigliano, in cassa integrazione da anni, che si indigna quando si regalano miliardi pubblici alle banche, mentre il popolo viene affamato, mentre le aziende muoiono o scappano dall’Italia.

Mentre in parlamento si discuteva animatamente sul decreto Banca Italia, la Fiat dava il colpo finale all’azienda italiana, nonostante abbia ricevuto oltre 100 miliardi di euro in questi anni dallo stato Italiano, dopo aver spremuto gli Italiani fino in fondo decide di andarsene, il governo decide di tacere, eppure ciò non fa notizia.

E lei avvallando ciò, si scandalizza di fronte a chi si oppone a ciò e evidenzia solo coloro che con commenti offendono le donne, e non viene detto, nulla su quella che è stata una vera violenza fisica da parte di un questore verso una donna.

Io da casa, ho visto un uomo aggredire una donna, l’aggressione che la deputata Loredana Lupo ha subito da parte di un questore della Camera, un questore che è anche un magistrato e come tale credo che fosse molto consapevole della gravità delle offese fisiche che stava mettendo in essere.

Se lei, in diretta tv ha sostenuto che chi fa degli insulti, comunque a mio avviso non tollerati, è un probabile stupratore, “e c’è né corre ad esserlo”, lei non punendo un chiaro atto di violenza, giustifica tutte quelle violenze subite dalle donne che vengono molto spesso nascoste perché gli uomini, con la semplice frase “non volevo farti del male”, pensano di aver il diritto di continuare a farlo.

Quella che lei chiama, poi violenza, per quanto riguarda l’atteggiamento del movimento per salvaguardare i diritti dei cittadini, io le pongo una domanda, ma se lei si trovasse a casa sua e arrivasse gente che si vuole impossessare dei suoi beni, lei li guida e gli prepara le borse, o difenderebbe i suoi averi con unghie e con i denti ? risponda con tutta sincerità.
State togliendo il futuro ai nostri figli , e noi dovremmo subire casomai stendendovi anche il tappeto rosso.

Sia chiaro, io non ho votato il movimento, e le dico che mi dispiace tantissimo, sa perché non li ho votati? Perché negli anni io ho sempre creduto in un mondo diverso , come andava decantando Bertinotti , Vendola e company, le ricordo lo slogan perché all’epoca aveva il suo effetto , “un mondo diverso senza se e senza ma”, ma puntualmente come prendevano posto in parlamento dimenticavano tutto e si amalgamavano al sistema, infatti l’ultima volta non ho votato perché ritenevo che non vi fossero partiti che potessero rappresentarmi.

Ora grazie anche alla rete riesco ad informarmi in modo corretto e non strumentale , dato che i media non svolgono correttamente il loro ruolo.

Quello che fa il M5S è la reazione che avrebbe qualsiasi cittadino fosse lì in quell’aula ed è stanco di subire, questi ragazzi dalla faccia pulita e sorridente che stanno facendo battaglie generosissime in Parlamento contro una maggioranza fatta di berlusconiani pd ed altre destre, questi ragazzi avevano lottato per salvare la sovranità italiana sulla BancaItalia che il governo Letta ha regalato ai privati alle banche.

L’attacco che è stato sferrato a Cinque Stelle è eversivo e prelude ad una torsione della democrazia italiana.

Il Potere non sembra in grado di sopportare critiche ed opposizioni.

La saluto ricordandole l’importanza del ruolo che ricopre, e all’importanza che ha avuto la sx italiana nella costruzione della nostra democrazia basata sull’antifascismo.
Distinti Saluti
Maria Molinari

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Close
Grazie del vostro supporto...
Mettiti in Movimento, condividi sui tuoi Socials...