Gli inquilini di Cassa Notariato scrivono al PD

 

Qualche giorno fa ho ricevuto in copia (in quanto firmataria della mozione sulle dismissioni del patrimonio immobiliare degli enti privatizzati) una lettera indirizzata a Morassut e scritta da un gruppo di inquilini delle case di Cassa Notariato, altro ente che ha il patrimonio in dismissione secondo i creativi metodi di Enasarco.

2013_12_29 lettera aperta Morassut

Sono famiglie romane che si rivolgono al PD e soprattutto a Morassut per capire a che gioco stanno giocando sulla loro pelle e sul loro diritto alla casa.

Sono cittadini che si informano, seguono la politica che ahimè decide delle loro vite e richiamano i loro sedicenti rappresentanti alle loro responsabilità nei loro confronti.

Sono persone attente che hanno capito il sistema mangiatoia che questo patrimonio immobiliare alimenta grazie alle connivenze della politica. Il sistema patrimonio immobiliare è articolato =>conferimento degli immobili ai fondi=> affidamento ad una SGR => gestione amministrativa da parte di società di Property Management => incassi tramite Banca=> gestione contratto portierato da parte di Amministratore=> che per gli interventi (quando li fa) si avvale di società di consulenza ETC ETC.

Mentre molto interessante è la loro proposta relativamente ai criteri delle dismissioni:

1. il valore del patrimonio immobiliare deve essere ancorato a parametri oggettivi come le rendite catastali che devono essere verificate con l’effettiva tipologia e status dell’immobile ed aggiornate

2. chi acquista un immobile pubblico non può rivenderlo a distanza di anni lucrandoci sopra ma ad un prezzo sempre coerente con la finalità pubblica di questo patrimonio

3. acquistare con la modalità  del riscatto futuro (sconto il canone di locazione dal prezzo di acquisto, un tot al mese), bypassando il sistema bancario e garantendo all’Ente da cui si acquista un flusso costante di denaro

Basta buon senso e volontà di cambiare le cose per trovare quelle soluzioni che questi partiti NON vogliono trovare.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Close
Grazie del vostro supporto...
Mettiti in Movimento, condividi sui tuoi Socials...